Euphorbia Trigona

Euphorbia Trigona

Euphorbia Trigona

L’Euphorbia trigona è una pianta con caratteristiche succulenti che appartiene alla famiglia delle Euphorbiaceae. L’Euphorbia mostra una diversità di specie che comprende degli arbusti, degli alberi, dei rampicanti e delle erbacee. L’Euphoriba trigona è una pianta particolarmente resistente infatti viene coltivata da persone con poca esperienza, nonostante le sue caratteristiche dovrebbe essere comunque necessario apprendere le tecniche per farla sviluppare e crescere in modo sano. A seconda della coltivazione la pianta potrebbe crescere con caratteristiche di cespuglio oppure ad albero. In caso di sviluppo arboreo la pianta presenta moltissime ramificazioni che se lasciate crescere senza un controllo potrebbero portare la pianta a ferirsi, quindi si dovrebbe in questo caso fare molta attenzione, per evitare insorgano problemi.

Come curare Euphorbia Trigona

  • Esposizione

    Un soleggiato davanzale è spesso il punto di partenza per iniziare una collezione di piante grasse. Molte succulente si adattano bene a condizioni d’illuminazione estremamente innaturali, alle correnti d’aria e agli sbalzi di temperatura, è tuttavia sconsigliabile riporle sopra ai radiatori. In estate possono essere trasferite all’aperto, ma vanno riposte all’interno all’inizio del freddo.

  • Annaffiature

    Non hanno bisogno di molta acqua. Durante l’inverno le annaffiature si riducono a una due volte il mese, mentre in primavera e in estate una volta ogni sette dieci giorni. La quantità d’acqua da distribuire deve generalmente bagnare in modo uniforme tutta la terra senza però ristagnare. Il procedimento migliore consiste nel bagnare la terra direttamente dall’alto.

  • Concimazione

    Esistono in commercio fertilizzanti appositamente studiati per la concimazione delle piante grasse. In generale la concimazione si rende necessaria una due volte l’anno nelle dosi consigliate dal prodotto.

  • Temperatura

    Essendo per lo più originarie di paesi molto caldi, prediligono il caldo piuttosto che il freddo, anche se non hanno dimostrato particolari problemi di adattamento, anzi ci sono lacune varietà in grado di sopportare periodi, seppur brevi, di gelo. In linea di massima comunque le piante grasse vegetano bene con temperature intorno ai 20°C.

  • Rinvaso

    La crescita è piuttosto lenta quindi il rinvaso va fatto solamente quando le dimensioni della pianta superano quelle del vaso.

  • Terricco

    Le piante grasse non hanno particolari esigenze di terreno. In ogni caso è consigliabile un terreno poroso e ben drenato, vanno quindi bene i terreni tendenti al sabbioso.

  • Pulizia

    Pulire le piante grasse con un panno umido una volta al mese.

  • Patologie

    Possono essere attaccate da cocciniglia o marciume per eccesso di acqua.